Claudio Minzera | Nutrizionista

claudio minzera nutrizionista personal trainer taranto
Io credo e gli studi scientifici lo dimostrano, che la salute si costruisce a tavola, sulla base del cibo che mangiamo. È dunque importante dare la giusta importanza a una dieta varia ed equilibrata, caratterizzata dall’assunzione bilanciata dei vari nutrienti.

Inoltre quando si pratica attività sportiva, sia a livello professionale, sia a livello amatoriale, è molto importante adottare una alimentazione, compatibile con le varie discipline sportive, dal punto di vista dei fabbisogni nutrizionali che si devono adottare prima, durante e dopo una competizione.

L’equilibrio alimentare non si costruisce su un unico pasto o su un unico giorno ma piuttosto su una continuità settimanale. Non esistono cibi “proibiti” come neanche cibi “miracolosi”, anche se ovviamente alcuni alimenti sono considerati più salutari (come la frutta, la verdura, i farinacei rigorosamente integrali, il pesce) e altri meno (come i cibi zuccherati o troppo salati, le carni troppo grasse e conservate con lunga scadenza e dunque i grassi di origine animale).

Un corretto stile alimentare contribuisce a costruire, rafforzare, mantenere il corpo e a fornire l’energia quotidiana indispensabile al buon funzionamento dell’organismo fisico che mentale.

Una dieta bilanciata, combinata a uno stile di vita attivo che preveda la pratica quotidiana di attività fisica, aiuta a mantenere un peso corporeo adeguato, permettendo una crescita più armoniosa da un punto di vista fisico e più serena da un punto di vista psicologico. Mangiare sano aiuta a prevenire e a trattare molte malattie croniche come l’obesità e il sovrappeso, l’ipertensione arteriosa, le malattie dell’apparato cardiocircolatorio, le malattie metaboliche, il diabete tipo 2, alcune forme di tumori.

Inoltre, una sana alimentazione fortifica il sistema immunitario contribuendo a proteggere l’organismo da alcune malattie non direttamente legate alla nutrizione.

Mangiare bene conviene ……..

Scrivete qui i vostri dubbi e le vostre domande, sarò lieto di rispondervi

Dr. Claudio Minzera

8 pensieri riguardo “Claudio Minzera | Nutrizionista”

  1. Buongiorno Dottore, ho bisogno di un consiglio. Da un po’ di tempo a questa parte, ho difficoltà nel mangiare la carne, non riesco a digerirla e mi sento sempre appesantito. Vorrei riuscire a prendere le proteine usando delle fonti vegetali, così da evitare il consumo di carne. Cosa mi consiglia?

    La ringrazio, un saluto

    1. Buongiorno Giovanni le difficoltà che hai nel digerire la carne possono avere svariate origini, alcune volte anche “psicologiche”, alternative vegetali esistono ed abbastanza valide esempio la soia dal quale si ricava il Tofu, Il glutine da cui si ricava il Seitan, e poi tutta la famiglia delle leguminose (ceci,piselli,lenticchie,fave,fagioli,cicerchia) anche la frutta secca è riccha di proteine. Comunque ricordati, che almenno una volta durante la giornate, di assumere delle proteine di origine animale anche delle uova o derivate del latte o pesce, che hanno un alto valore biologico e completano la nostra riserva di aminoacidi nel sangue. Ma tutto dipende dagli obiettivi che ci poniamo.

  2. Buongiorno Dottore pratico allenamento con i pesi in palestra da qualche anno finalizzato principalmente all’ipertrofia muscolare. Ben consapevole del ruolo dell’alimentazione per raggiungere qualche risultato “visibile” negli ultimi periodi ho deciso di dedicare più attenzione all’alimentazione e all’integrazione di quanto non avessi mai fatto prima. Sento spesso parlare veterani del BodyBuilding di diete in cui si alternano giorni di scarico totale dei carboidrati a giorni di “carico” lasciando pressoché invariate le quote di proteine e grassi tutti i giorni. La domanda è questa: è utile una dieta del genere? quali sarebbero i pro e i contro?
    La ringrazio un saluto

    1. Ciao Andrea sono felice di rispondere alla tua domanda anche se molto tecnica. Risultati “Visibili” come tu hai sottolineato alcune volte si celano sotto un piccolo strato adiposo sottocutaneo che non fanno esaltare la muscolatura. Ma questo è il mondo del Body-Building. Nel mio lavoro comunque utilizzo strumentazione che ci fa effettivamente quantizzare i cambiamenti a livello di muscolatura e di tessuto adiposo (B.I.A. sport Edition). Ma per rispondere alla tua domanda lo scarico totale di carboidrati e carico e una strategia che aiuta a perdere grasso nella fase dello scarico, pregiudicando comunque, la performance di allenamento e stimolando una serie di ormoni favorevoli/sfavorevoli GH/Cortisolo mentre nella fase di carico dei carboidrati il metabolismo tiroideo viene stimolato comportando un aumento delle secrezioni di testosterone e aumenti di Insulina.Attenzione, se il carico viene mantenuto per troppo tempo c’è il rischio di accumulare tessuto adiposo. Quindi può essere utile alternando i carboidrati ma bisogna controllare i dosaggi che sono sempre soggettivi ed dipendenti dalla massa magra. Spero di essere stato esaustivo. Ciao Andrea

  3. Buonasera Dottore ho bisogno d’un consiglio. Poiché soffro di MRGE, pratico da molti anni allenamento bodybuilding, e seguendo la dieta del gruppo sanguigno, A per il mio, quindi eliminando latte e derivati, sono riuscito a eliminare i disturbi del mio problema. Avrei bisogno di integrare la dieta con calcio o una dieta ricca ed equilibrata sarebbe sufficiente?
    La ringrazio.
    Vito Pace

    1. Buonasera Vito, sono contento che hai risolto il tuo problema, anche se la causa del reflusso gastro esofageo non dipende dal latte e i suoi derivati, ma meglio cosi, per quanto riguarda la necessità di integrare il calcio le linee guida prevedono un minimo di integrazione di sali minerali e vitamine specialmente per chi pratica sport, ma non perché non assumi latte e derivati. Saluti

  4. Salve dottore sono un ragazzo di 22 anni alto 170cm per 61 kg,sto intraprendendo adesso l’allenamento in palestra volevo un “esempio” di dieta su cui basarmi per far sì di aumentare un po’ il tono muscolare ma allo stesso tempo riuscire a mantenere un addome ben visibile cosa che geneticamente non mi aiuta già di suo. La ringrazio.
    Cordiali saluti

  5. Buongiorno, la dieta va somministrata dopo un attento ed accurato esame antropometrico con varie metodiche strumentali, ed inoltre va tenuto conto del suo stile di vita generale oltre al suo stato metabolico attuale.
    Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *