Parte seconda|Velocità: “Ti sei ma chiesto chi vincerà una gara di corsa dei 200 metri ? l’atleta con la maggiore accelerazione iniziale o l’atleta che raggiunge la velocità massima più alta?”

La prossima cosa che dobbiamo capire è come definire la velocità di Velocità|Accellerazione|Crossfit|Lanza|Personaltrainer|Taranto|Crossfit |Trainer| 1 livello|movimento di un individuo.

Quanto velocemente un atleta ha percorso i 200 m?

Possiamo determinare quanto velocemente un atleta ha corso (media sull’intera distanza dei 200 m) dividendo quanto velocemente per quanto lontano, ma il valore che otteniamo dipende da come consideriamo il quanto velocemente, se lo consideriamo una grandezza scalare oppure vettoriale

– Se vogliamo conoscere la velocità del movimento sulla distanza totale dei 200 m, calcoleremo la velocità come una grandezza scalare: Leggi tutto “Parte seconda|Velocità: “Ti sei ma chiesto chi vincerà una gara di corsa dei 200 metri ? l’atleta con la maggiore accelerazione iniziale o l’atleta che raggiunge la velocità massima più alta?””

Claudio Minzera | Nutrizionista

claudio minzera nutrizionista personal trainer taranto
Io credo e gli studi scientifici lo dimostrano, che la salute si costruisce a tavola, sulla base del cibo che mangiamo. È dunque importante dare la giusta importanza a una dieta varia ed equilibrata, caratterizzata dall’assunzione bilanciata dei vari nutrienti.

Inoltre quando si pratica attività sportiva, sia a livello professionale, sia a livello amatoriale, è molto importante adottare una alimentazione, compatibile con le varie discipline sportive, dal punto di vista dei fabbisogni nutrizionali che si devono adottare prima, durante e dopo una competizione.

L’equilibrio alimentare non si costruisce su un unico pasto o su un unico giorno ma piuttosto su una continuità settimanale. Non esistono cibi “proibiti” come neanche cibi “miracolosi”, anche se ovviamente alcuni alimenti sono considerati più salutari (come la frutta, la verdura, i farinacei rigorosamente integrali, il pesce) e altri meno (come i cibi zuccherati o troppo salati, le carni troppo grasse e conservate con lunga scadenza e dunque i grassi di origine animale).

Un corretto stile alimentare contribuisce a costruire, rafforzare, mantenere il corpo e a fornire l’energia quotidiana indispensabile al buon funzionamento dell’organismo fisico che mentale.

Una dieta bilanciata, combinata a uno stile di vita attivo che preveda la pratica quotidiana di attività fisica, aiuta a mantenere un peso corporeo adeguato, permettendo una crescita più armoniosa da un punto di vista fisico e più serena da un punto di vista psicologico. Mangiare sano aiuta a prevenire e a trattare molte malattie croniche come l’obesità e il sovrappeso, l’ipertensione arteriosa, le malattie dell’apparato cardiocircolatorio, le malattie metaboliche, il diabete tipo 2, alcune forme di tumori.

Inoltre, una sana alimentazione fortifica il sistema immunitario contribuendo a proteggere l’organismo da alcune malattie non direttamente legate alla nutrizione.

Mangiare bene conviene ……..

Scrivete qui i vostri dubbi e le vostre domande, sarò lieto di rispondervi

Dr. Claudio Minzera

Edda Folino | Fisioterapista

Buongiorno,
personal trainer taranto |logo aifiSono Edda Folino e ho conseguito il Diploma Universitario di Fisioterapista nel 2003, presso l’ Università degli Studi di Bari. Come la maggior parte di voi, sono anch’io un’ amante dello sport e questo, unito all’ inclinazione di manipolare, massaggiare, curare e correggere che ho avuto fin da bambina, mi ha portato ad entrare nel mondo meraviglioso della fisioterapia e a cercare ogni giorno strumenti, tecniche e metodiche per risolvere problemi muscolari, articolari e posturali.
Inutile dirvi che non esiste una soluzione “assoluta” per ogni problema ma in linea generale il nostro corpo è davvero una ” macchina perfetta” e quindi ogni dolore, tensione o gonfiore non va mai sottovalutato o peggio trascurato.
Di solito, chi fa sport abitualmente va più spesso incontro a problemi tendinei, muscolari o articolari dovuti all’ iper-uso, cioè alla ripetitività del gesto atletico, mentre chi vi si approccia per la prima volta o in modo incostante, rischia di incorrere in errori posturali, accumulo di acido lattico o peggio lesioni, dovuti al fatto che il nostro corpo non è “pronto” a quello stress fisico.
E’ importante seguire i tre step fondamentali:

  • RISCALDAMENTO
  • ATTIVITA’ FISICA
  • STRETCHING( ne esiste uno specifico per ogni sport, legato ovviamente ai gruppi muscolari coinvolti)

che lo sportivo segue abitualmente e il principiante imparerà grazie al suo personal trainer… per tutti gli altri problemi posso provare ad aiutarvi io.

Scrivete qui i vostri dubbi e le vostre domande e, nel frattempo,

Buon allenamento a tutti